le risorse informatiche

come supporto per il canto didattico

 

   


Di: Gioacchino Chimenti                           Consulente scientifico: Prof. Pietro Gizzi


 2005


 

1. INTRODUZIONE

  

Lo sviluppo e la diffusione dell’informatica, specialmente nell’ultimo decennio, hanno trasformato notevolmente la nostra società. In tutti i campi, dalle industrie alle comunicazioni, dall’amministrazione pubblica a tutto il terziario, sono oggi possibili applicazioni e automazioni informatiche che semplificano il lavoro, aumentano la produttività, consentono la diffusione delle idee e delle notizie, amplificano le potenzialità umane e in pratica rendono possibili cose un tempo solo immaginabili.

Anche in campo didattico l’informatica comincia a muovere i primi passi e a fornire nuove prospettive. La sempre maggiore produzione e diffusione di programmi e cd-rom per bambini[1] sta portando ad una riflessione pedagogica molto seria[2], in quanto questo tipo di software propone un modo diverso di attivare apprendimenti complessi e sviluppare abilità cognitive importanti. Un modo basato sul coinvolgimento emotivo, sulla dimensione ludica e sul divertimento, e le ricerche psicologiche hanno dimostrato quanto sia importante la sfera affettiva, emotiva e motivazionale nel processo di apprendimento[3].

Lo scopo di questa mia ricerca è quello di mostrare quali sono oggi le possibilità offerte dall’informatica nel campo della didattica musicale ed in particolare individuare un utilizzo pratico di programmi e apparecchiature che siano di supporto per lo sviluppo dell’intonazione e del senso ritmico attraverso il canto e la solmisazione.

Nella prima parte della ricerca, dopo aver indicato quali sono le potenzialità dell’informatica in campo didattico, ho riportato gli indirizzi e la descrizione di alcuni tra i più significativi siti web italiani e stranieri che ho cercato e selezionato in internet, la rete mondiale dei computer. Si tratta di siti nei quali è possibile reperire informazioni utili riguardanti non solo la didattica musicale in generale, ma anche il canto didattico, la solmisazione, i software didattico-musicali presenti oggi nel mercato e le modalità di utilizzo delle nuove tecnologie nel campo dell’educazione musicale.

Nella seconda parte ho illustrato i risultati delle prove, da me effettuate, di numerosi software didattico-musicali, suddividendoli per categorie e descrivendo quelli che a mio parere sono strutturati meglio.

Infine ho realizzato un’unità didattica dedicata al canto in solmisazione, come esempio di un possibile uso pratico di questi software.


[1] Vedi per esempio le collane di CD-ROM didattici PC Genius e Gioco e imparo, edite dalla De Agostini fin dagli anni ‘90.

[2] Su questo argomento mi permetto di rimandare alle seguenti pubblicazioni: Albanese O. - Migliorini P. - Pietrocola G.,Apprendimento e nuove strategie educative. Le tecnologie informatiche tra teoria e pratica didattica, Milano, Unicopli, 2000. Salaris Bava M. - Caserta A.Scuola media e soluzioni informatiche nella didattica, Milano, Sei, 1994. Moneta M. C., Proposte di programmazione e di azione didattica, «Scuola materna», anno LXXXVI, 18, 10 luglio 1999, pp. 40-44.

[3] Vedi: Di Natale P., Motivazione e apprendimento, «RD Rivista Digitale Della Didattica», Maggioli Editore, www.rivistadidattica.com, Rimini, 11 maggio 2005.